Cipro: aggiornamento

In questi ultimi giorni sono rimbalzate diverse notizie sulla crisi cipriota. Dopo tanti tentativi da parte della Troika e del governo Cipriota di trovare i 17 Miliardi di Euro necessari per scongiurare il default  per la piccola isola europea che conta per il solo 0,2 % sul PIL europeo, sembra che nella giornata di ieri si sia trovato infatti un accordo.

La giornata di ieri è stata molto importante  e apparentemente ha scongiurato la crisi di Cipro. L´Europa, infatti, era disposta a prestare al popolo cipriota solo 10 dei 17 Miliardi necessari mentre i restanti 7 Miliardi devono provenire da una politica di austerity nonché dal prelievo forzoso dai conti correnti superiori a 100 mila Euro, risparmiando così i “ piccoli risparmiatori”.

Oggi ha parlato alla BBC il ministro della finanza Cipriota, Michael Sarris, che ha annunciato la chiusura delle banche fino a Giovedì ed inoltre che la perdita di Capitali dei correntisti con capitale superiori a 100 mila euro potrebbero arrivare fino al 40%.

Tra le due banche coinvolte Banca di Cipris resterà in attività mentre  la Banca Laiki sarà chiusa definitivamente e i capitali sotto i 100.000 euro della banca verranno trasferiti alla Banca di Cipris mentre quelli superiori verranno “congelati” e parteciperanno alla liquidazione della Banca.

La domanda che ci poniamo noi dello staff è quale ripercussione avranno queste misure sui numerosissimi broker presenti sull´isola e quale saranno le  loro risposte a queste imposizioni forzate dall `Europa.

Dopo aver parlato personalmente con alcuni broker la situazione non sembra preoccupare più di tanto e  comunque prima che tutti i nodi non saranno venuti al pettine è ancora presto per prevedere il futuro.

Sta di fatto che vi informeremo al più presto non appena ci saranno notizie un po’ più certe sulla crisi cipriota e che per adesso non ci sono motivi che possona destare preoccupazioni per i nostri amati boroker.

 

Ti potrebbero anche interessare: