Pirelli: presentato il piano industriale 2013-2017

pirelli leaderA Londra il gruppo Pirelli ha presentato il piano indistriale 2013-2017 dopo aver pubblicato nella giornata di ieri (a mercati chiusi) i conti trimestrali; il colosso dei pneumatici si pone come obiettivo principale l’aumento dei profitti attraverso ingenti investimenti stimati in circa 1,6 miliardi di euro in 4 anni, suddivisi per l’85% nel segmento customer e nel 15 % nel segmento industrial.  Dai calcoli effettuati Pirelli stima un debito netto di 500 milioni di euro  nel 2017 a differenza di quello previsto di 1,3 miliardi a fine 2013.

Nell’arco del piano indistriale 2013-2014 la strategia principale sarà quella di sviluppare due prodotti fondamentali, il segmento premium e il super premium, ovvero quei pneumetici di alta performance dedicati alle autovetture di fascia alta. Il mercato strategico sul quale il gruppo della Bicocca ha deciso di investire fortemente è quello russo, territorio in cui la Pirelli già possiede 2 stabilimenti che renderanno più semplice il presidio di tale mercato. La fabbrica di Voronezh si manterrà concentrata sul segmento premium e manterrà una capacità di produzione di circa 2 milioni di pezzi annui, mentre la fabbrica di Kirov concentrata su segmenti di diversa tipologia incrementerà la capacità produttiva al 2017 di 1 milione di pezzi, passando dai 5,9 del 2013 a 6,9 milioni tra quattro anni. Entrambi gli stabilimenti possiedono la certificazione dei produttori auto e quindi possono già produrre per le case automobilistiche europee.

La reazione a piazza affari è stata ottima infatti il titolo Pirelli ha registrato un rialzo sul FTSE MIB del 2,44% portandosi a 10,5 euro.

Apri un conto con Top Option

Ti potrebbero anche interessare: